Università

Gli “Spaghetti Bridge” di Lecce, i ponti di pasta dei futuri ingegneri

Ben 1.139,7 chilogrammi di resistenza complessiva “sopportata”, Sono questi i numeri dell’edizione 2017 della “Spaghetti Bridge Competition”, la spettacolare gara “ingegneristica” tra ponti fatti soltanto di pasta e colla, organizzata all’Università del Salento dal professor Giorgio Zavarise, ordinario di Scienza delle costruzioni.

Alla gara hanno partecipato studenti dell’Università del Salento ma anche di altre Università italiane e con graduatoria a parte, laureati in Ingegneria, che hanno costruito modelli in scala di un ponte di un metro di lunghezza utilizzando – appunto – comune pasta (tipicamente spaghetti o bucatini) e colla a caldo o resina epossidica. I ponti così realizzati sono stati sottoposti a un carico via via crescente, fino a completa rottura.

«Un gioco che in realtà è un modo estremamente efficace per far comprendere agli allievi ingegneri il comportamento delle strutture», sottolinea il professor Zavarise, «ma anche un’efficace iniziativa di solidarietà. Infatti, grazie alla sponsorizzazione del Pastificio Granoro, verrà offerto in beneficenza un chilo di pasta per ogni chilo di resistenza dei ponti. Quindi la donazione di 1.139,7 chilogrammi di pasta sarà destinata alla “Comunità Emmanuel” di Lecce e alla Mensa gestita dalle Figlie della Carità in collaborazione con il Volontariato Vincenziano».

Vincitori della sezione “Ponti reticolari” è stato il gruppo composto da Andrea Spedicato, Lorenzo Di Pietro e Francesco Carmine Iaia, con un ponte che ha “tenuto” fino al carico di ben 76,300 kg; secondo posto per il gruppo di Luca Candito, Andrea Lanzilotti e Gabriele Lozupone; terzo posto per Vincenzo Russo, Gianluca Adamuccio e Marialucia Corvaglia.

Vincitore della sezione “Ponti ad arco o di fantasia” è stato invece Jonathan Fino, con un ponte che ha “sopportato” ben 136 kg; secondi classificati Lorenzo Maci e Mariarosaria Marulli; terzi classificati Emanuele Boellis e Marina Marti.

Vincitori della gara riservata ai laureati sono stati Gabriella Vergori, Dario Palese e Giuseppe Cacciatore, mentre il premio per il ponte più bello è andato a Matteo Perrone.