News Scuola

Coronavirus, ecco il decreto scuola: maturità on line e solo orale se non si rientra il 18 maggio

Il Consiglio dei Ministri, ancora in corso, ha dato il via libero al decreto legge Scuola (Misure urgenti sulla regolare conclusione e l’ordinato avvio dell’anno scolastico e sullo svolgimento degli esami di Stato.

Come già trapelato nei giorni scorsi, per le classi che non devono affrontare esami tutti promossi e recupero dei debiti formativi all’inizio del prossimo anno scolastico.

Restano invece due le ipotesi per gli esami di maturità e due quelle per gli esami di terza media, a secondo che si torni in classe il 18 maggio o non si torni fino a settembre.

MATURITA’. Se si rientrerà in classe entro il 18 maggio, ci sarà una prova nazionale di italiano, mentre la seconda prova sarà preparata dalla commissione interna. Se invece non ci sarà il. rientro entro il 18 maggio, ci sarà un’unica prova orale anche telematica.

ESAME DI TERZA MEDIA. Nell’ipotesi in cui non si tornerà in aula entro il 18 maggio niente esame di terza media e solo valutazione dei prof. Infine tutti promossi all’anno successivo.

La possibilità di un rientro in classe il 18 maggio appare oggi remota. Perché in ogni caso resterebbe il problema del distanziamento di sicurezza e le strutture scolastiche non sono dotate di spazi tali da garantirle. Ne sono ben consci i dirigenti scolastici. Perciò un ‘ipotesi potrebbe ssere quella di un rientro solo per le quinte classi, delle superiori ed eventualmente le terze classi delle medie. Ma si vedrà.

ASSUNZIONI. Via libera, intanto, sempre dal Consiglio dei Ministri alle assunzioni chieste dal Ministero dell’Istruzione per recuperare parte dei posti liberati nell’estate del 2019 da quota 100. Si attua una norma inserita nel decreto scuola approvato in autunno, voluta dalla ministra Lucia Azzolina. Si tratta di 4.500 posti che andranno ad altrettanti insegnanti, vincitori di concorso o presenti nelle graduatorie ad esaurimento, che non hanno potuto occupare questi posti lo scorso settembre perché non erano stati messi a disposizione.

I video di Skuola.net