News Scuola Università

Coronavirus, proroga chiusura scuole e università al 13 aprile

E’ ancora emergenza coronavirus, quindi scuole e università chiuse sino al 13 aprile. Che sarebbe il Lunedì dell’Angelo. Il governo è intenzionato a «prorogare fino al 13 aprile tutte le misure di limitazione alle attività e agli spostamenti individuali finora adottate», ha anticipato il ministro della Salute, Roberto Speranza, intervenendo oggi in Senato. «Sbagliare i tempi e anticipare alcune mosse – ha aggiunto – rischia di vanificare gli sforzi. Questa è l’unica strada praticabile per riaccendere i motori».

La ministra all’Istruzione, Lucia Azzolina, secondo quanto riferisce l’Ansa, ha confermato che le scuole rimarranno chiuse con certezza fino al 13 di aprile e che in queste ore saranno date le notizie ufficiali. D’altronde, nei giorni scorsi aveva fatto sapere che «si tornerà a scuola se e quando, sulla base delle indicazioni degli esperti, le condizioni lo consentiranno». Manca ancora solo la comunicazione ufficiale del ministero.

ESAMI DI STATO. Sugli Esami di Stato, intanto, il Ministero rende noto con un comunicato stampa che «il confronto è aperto e a giorni saranno comunicate decisioni ufficiali in merito. È in corso un confronto per ascoltare le proposte di tutte le forze di maggioranza. Le decisioni che saranno prese dovranno tener conto della situazione d’emergenza che il Paese sta vivendo. L’impegno è quello di lavorare su molteplici scenari». Il Ministero ricorda che «la ministra Azzolina si è sempre detta favorevole a una valutazione seria dell’anno scolastico in corso e degli esami, nel rispetto del lavoro che stanno portando avanti i docenti e dell’impegno di famiglie e studenti». Le ipotesi in campo rimangono quelle  venute fuori da varie indiscrezioni, ma presto il ministero dovrà comunicare le scelte definitive. In ballo c’erano diversi scenari legati all’emergenza coronavirus e a una possibile data di rientro a scuola ai primi di maggio o addirittura di finire l’anno scolastico senza rientrare a scuola. Sugli esami di Stato, la ministra ha però invitato i dirigenti scolastici a non lasciarsi influenzare da quello che si sente e si legge in queste ore, anche sulle valutazioni degli alunni,. «Le notizie ufficiali – detto – arrivano dal Ministero. Alcune decisioni vanno prese in modo celere».

INCONTRO CON I SINDACATI. Intanto. oggi la ministra ha incontrato in videoconferenza, le organizzazioni sindacali sull’emergenza coronavirus. All’ordine del giorno, la chiusura dell’anno scolastico in corso e l’avvio di quello che inizierà a settembre. Nel corso dell’incontro si è parlato di didattica distanza, delle risorse stanziate per supportarla, di mobilità del personale. La ministra, aprendo l’incontro, ha voluto ringraziare ancora una volta, attraverso i sindacati, «tutto il personale della scuola che sta facendo enormi sforzi, in questa emergenza, per stare vicino ai nostri ragazzi». Ha poi annunciato tavoli tecnici con i sindacati per lavorare all’avvio regolare del prossimo anno scolastico.

I video di Skuola.net